Enologica Bologna: tre giorni di vino e cibo made in Emilia Romagna

Che l'Emilia-Romagna stia scalando le vette del Belpaese enoico è ormai dato assodato. A parlare sono premi nazionali dati a vini e vitigni che si sonno scrollati di dosso ormai da anni l'etichetta di "vino da tavola".

Nella regione locomotiva d'Italia il vino si fa e si fa bene, motivo non da poco per non perdere uno dei più imoprtanti appuntamenti regionali dedicati al nettare di Bacco, Enologica, in programma dal 19 al 21 ottobre a Bologna (Palazzo Re Enzo).

«Dal Vinitaly a Enologica, passando da molteplici altrappuntamenti in Italia e nel Mondo, la strategia di Enoteca Regionale Emilia Romagna corre sempre lungo una direttrice comune, condivisa con i produttori e i Consorzi di tutela: promuovere i vini emiliano-romagnoli e i territori d’appartenenza, incredibili contenitori di arte, cultura, tradizioni, natura, gastronomia e capaci di soddisfare tutte le esigenze di un turista attento, esigente e responsabile. E proprio l’enoturismo, e con esso l’accoglienza che da sempre ci contraddistingue, rappresenta per la nostra regione un’importante opportunità sulla quale Enoteca Regionale ha scommesso"
Così Pierluigi Sciolette e Ambrogio Manzi, rispettivamente Presidente e Direttore di Enoteca Regionale Emilia Romagna, introducono la nuova edizione di Enologica, il Salone del vino e del prodotto tipico dell’Emilia-Romagna.

Dopo le tante novità dell’edizione 2018, in questo 2019 è tempo di rinvigorire e consolidare la nuova traccia. Ecco quindi: l’ulteriore aggiustamento del periodo di svolgimento, per dar modo ai produttori di organizzarsi con maggiore tranquillità una volta finita la vendemmia; la conferma del duo Luca Gardini e Adua Villa chiamati a potenziare, con il loro “Via Emilia Cooking and Wines Talk” i seminari sui vini, gli incontri gastronomici con i migliori chef della regione e in generale la conoscenza territoriale dei prodotti cucinati, e
non, abbinati ai vini; la regia di Enoteca Regionale impegnata anche nel coinvolgere sempre più operatori e opinion leader internazionali per sfruttare appieno l’evento anche in chiave eno-turistica.

Elementi che faranno per tre giorni del centralissimo Palazzo Re Enzo il fulcro di quanto di bello, buono e sano c’è in Emilia- Romagna.
Il salone centrale del Palazzo, che ospiterà un centinaio di produttori, si “trasformerà” in una via Emilia “virtuale”, spina dorsale della nostra regione, lungo la quale è possibile trovare gran parte delle eccellenze territoriali, a partire dai vini a denominazione.

Tra i protagonisti della due giorni ci saranno anche alcuni dei migliori e più interessanti chef della via Emilia che, mentre si cimenteranno ai fornelli nella preparazione di una pietanza per una piccola degustazione, si interfacceranno con esponenti del mondo turistico (albergatori, giornalisti del settore, esponenti dell’APT, ecc.) e del mondo enogastronomico (rappresentanti dei Consorzi, produttori, giornalisti del settore, ecc.).

TRAMONTO DIVINO
Il lungo weekend bolognese, dedicato ai vini e alle tipicità emiliano romagnole, continua poi anche alla sera. Il
20 ottobre, appena Enologica chiuderà i battenti a Palazzo Re Enzo, gli enoappassionati sono attesi a FICO, a partire dalle 18, per l’ultima tappa italiana di Tramonto DiVino, il road show che ha portato per tutta l’estate le eccellenze enogastronomiche regionali sulle spiagge e nelle città d’arte dell’Emilia-Romagna. Una girandola di degustazioni che vedrà i sommelier Ais impegnati a raccontare e mescere i vini emiliano-romagnoli presenti sugli scaffali della Fabbrica Italiana Contadina. Tramonto DiVino chiuderà l’edizione 2019 all’estero: il 19
novembre a “InCantina”, il ristorante, enoteca, wine-bar di proprietà di Enoteca Regionale Emilia Romagna a Francoforte, durante la Settimana della Cucina Italiana nel Mondo che la Regione ha voluto organizzare in Germania, il primo Paese per esportazioni dell’agroalimentare italiano.


Anna Frabotta
Molisana di origine, emiliano-romagnola di adozione, si trasferisce diciottenne a Bologna e pochi anni dopo nella Romagna dell'ospitalità e del buon vivere che diventa la sua seconda casa. Qui si specializza nello scrivere di turismo, cultura, cibo e arte, con la curiosità tipica di chi sa mescolare culture e sapori lontani. Dal 2016 è responsabile di progetto della guida Emilia Romagna da Bere e da Mangiare.
ufficiostampa@agenziaprimapagina.it

Copyright © Emilia-Romagna Vini - Iscritto al Registro Stampa presso il Tribunale di Forlì al n. 11/18