Denominazioni

del territorio Modenese

Colli Bolognesi Doc

Nella Doc Colli Bolognesi, ottenuta nel 1993, rientrano i territori collinari di 14 comuni della Provincia di Bologna e parte di Savignano sul Panaro, in provincia di Modena. La Doc Colli Bolognesi oggi prevede la sottozona Bologna, mentre sono state revocate tutte le precedenti sottozone. Tra i numerosi vini bianchi e rossi previsti da questa denominazione spicca il pignoletto, vino autoctono a bacca bianca che dà vini delicati e poco strutturati, ideale per aperitivi e antipasti di mare. E’ pr...

Leggi di più

Colli Bolognesi pignoletto Classico Docg

Riconosciuta come Doc nel 1997, comprende la stessa zona di produzione della Doc Colli Bolognesi. Si ottiene dal vitigno pignoletto (min. 85%) e da pinot bianco, riesling italico e trebbiano romagnolo (max. 15%). Giustamente considerato il “Re dei Colli Bolognesi” è ottimo come aperitivo, è perfetto con antipasti all’italiana, ideale con pesce alla griglia. Si consiglia di degustarlo giovane, stappando a 8°-10°C....

Leggi di più

Igt d’Emilia e di Romagna

La produzione di vini Igt (Indicazione geografica tipica) è disciplinata dalla legge n.164 del 10 febbraio 1992. In genere, sono designate con il nome geografico relativo o, in ogni modo, indicativo della zona, in conformità alla normativa italiana e della Cee. Le Igt, normalmente comprendono un ampio territorio viticolo, con un’uniformità ambientale e in grado di conferire caratteristiche omogenee al vino ottenuto. Il marchio infatti lega il vino ad un determinato territorio viticolo uniforme ...

Leggi di più

Lambrusco Grasparossa di Castelvetro Doc

La Doc Lambrusco Grasparossa di Castelvetro è stata riconosciuta nel 1970 e ha come zona di produzione i territori di 14 comuni della provincia di Modena. La Doc prevede alla base del Lambrusco Grasparossa di Castelvetro le uve del vitigno omonimo (min. 85%), ammettendo per un massimo del 15% altri lambruschi, Malbo gentile e Fortana. Il Lambrusco Grasparossa prende il nome dal colore rosso vinoso tipico del raspo e dei pedicelli del vitigno, coltivato soprattutto nella zona di Castelvetro e din...

Leggi di più

Lambrusco Salamino di Santa Croce Doc

Le Doc della provincia di Modena ruotano attorno al Lambrusco, di cui le varietà più diffuse e conosciute sono il lambrusco Salamino, quello Grasparossa e il lambrusco di Sorbara, a cui sono dedicati tre marchi a Denominazione d’Origine Controllata. Il lambrusco Salamino, detto anche di Santa Croce, dal nome della frazione di Carpi al quale si lega la sua origine, deve il suo nome alla particolare forma cilindrica del grappolo che lo fa assomigliare ad un piccolo salame. La Doc, riconosciuta nel...

Leggi di più

Lambrusco di Sorbara Doc

Il Lambrusco di Sorbara, di cui la Doc è stata ottenuta nel 1970, comprende i territori di 12 comuni della provincia di Modena. Previsto anche nella versione Rosato, si ottiene dal vitigno omonimo (min. 60%) e dal lambrusco salamino (max 40%); è un vino di coloro rosso rubino chiaro. Al gusto è fresco, delicato e particolarmente fine. La gradazione alcolica minima prevista dal disciplinare della Doc è 10,5%, l’abbinamento ideale è con i piatti saporiti del territorio,con Parmigiano Reggiano, las...

Leggi di più

Modena Doc

Con la menzione Modena o di Modena Doc (Decreto 27 luglio 2009) vengono identificate tipologie di vini Lambrusco di Modena, Pignoletto di Modena, Rosso di Modena, Rosato di Modena, Bianco di Modena. La nuova Doc è in sostituzione della Igt Modena. La zona di produzione comprende 32 comuni in provincia di Modena, tra i quali Campogalliano, Carpi, Castelfranco Emilia, Castelvetro di Modena, Cavezzo, Concordia sul Secchia, Finale Emilia, Formigine, Maranello, Marano sul Panaro, Mirandola, Modena, N...

Leggi di più

Reno Doc

La Doc Reno, riconosciuta nel 1987, comprende nella sua zona di produzione 28 comuni della provincia di Bologna e 5 comuni del modenese. Sotto questa Doc sono compresi tre vini bianchi di grande pregio: Montuni, Bianco e Pignoletto. Il Montuni, ottenuto dal vitigno montù (min. 85%), è un autoctono della pianura bolognese di antiche origini, da bere giovane, insieme a carni bianche e minestre in brodo. Il Bianco è ottenuto da un uvaggio di albana e trebbiano romagnolo al 40% e altri vitigni a bac...

Leggi di più

Copyright © Emilia-Romagna Vini